Mediterranea contro il memorandum con la Libia

Il 2 novembre sono stati rinnovati gli accordi con la Libia, che, di fatto, prevedono il respingimento dei migranti verso un paese in guerra, all’interno del quale non esistono garanzie per l’incolumità e per la vita delle persone, ma al contrario disperati sono rinchiusi e torturati nei centri di detenzione paragonabili a lager.

L’associazione delle e dei garanti per il soccorso civile in mare

Con questo accordo l’Italia accetta, autorizza e finanzia questa barbarie e dà sostegno alla guardia costiera Libica, ovvero agli aguzzini.
Io non ci sto e, insieme ad altri parlamentari di Pd, Iv e Leu ho aderito a Mediterranea divenendo e socia sostenitrice della “ASSOCIAZIONE DELLE E DEI GARANTI PER IL SOCCORSO CIVILE IN MARE” che mette al centro della propria attività pubblica e istituzionale la questione della tutela delle attività di monitoraggio e soccorso in mare, e della protezione dei diritti umani, nel più ampio quadro di politiche di integrazione per il bacino Mediterraneo improntate in primo luogo ai valori della solidarietà tra i popoli, della pace e della mutua cooperazione.”Poniamo fine a questo orrore.Teniamo alta l’attenzione sul Mediterraneo, che è la casa di tutti noi. I diritti umani non si toccano.

Comments are closed.