La tragedia del carabiniere ucciso a Foggia ha da insegnare cosa sia l’onore e il bisogno di sicurezza

Muore a Foggia un carabiniere Vincenzo Di Gennaro che ha sacrificato tragicamente la sua vita compiendo il suo dovere, un ricordo commosso proviene dalla cittadina calabrese di Mirto Crosia, in provincia di Cosenza, dove dal 1997 al 2007, hanno potuto apprezzare non solo le sue qualità di uomo dello Stato, sempre contraddistinte dall’alto senso del dovere in particolare sulla famigerata e tristemente nota “strada della morte”, ma anche e, soprattutto, le qualità umane che sono proprie di chi indossa la Divisa della Benemerita Arma dei Carabinieri.

La tragedia di Cagnano Varano è particolarmente triste, senza che si aggiungano altre considerazioni da far west, come ha fatto il ministro dell’Inferno, che probabilmente non ha ancora ben chiara la distinzione dei poteri. L’uomo che ha sparato probabilmente era pregiudicato, ma le dinamiche sono ancora da chiarire. Dopo il dolore e il cordoglio verrà il momento di ragionare seriamente sulla sicurezza nelle strade, sulla diffusione e detenzione delle armi, ma ora è il momento di unirci al dolore di una famiglia e di una comunità che perde un valido servitore dello Stato.

 

Comments are closed.