Il decreto Dignità ha tolto il lavoro agli operatori dei call center

Ci sono più soluzioni per salvaguardare i lavoratori del settore delle telecomunicazioni e dei contact center in Calabria. In particolare accogliamo la richiesta del sindacato di correggere il decreto Dignità, che ha prodotto ricadute negative come ci è stato ben spiegato dai lavoratori della Abramo nel corso dell’incontro oggi a Catanzaro Per questo è importante una comunione d’intenti di maggioranza e opposizione per procedere con interventi immediati al fine di stralciare gli effetti del decreto dignità su i lavoratori precari dei call center e promuovere percorsi di riqualificazione professionale e aggiornamento digitale. Attendiamo ora che l’impegno assunto in questa sede dai parlamentari 5stelle sulla possibile apertura di un tavolo nazionale presso il MISE venga realizzato. Il Pd farà la sua parte e con senso di servizio si mette a disposizione come sempre della causa dei lavoratori precari e dei disoccupati calabresi.

Comments are closed.