Estradizione Marando, questa volta il governo non fa la parata? La lotta alla mafia non è una priorità!

Sta per rientrare in Italia Francesco Marando, boss della ‘ndrangheta accusato dalla Dda di Reggio Calabria di essere un pericoloso trafficante internazionale di droga. L’estradizione, che si concretizza con l’arrivo a Fiumicino e l’effettiva traduzione in carcere, rappresenta un importante risultato della magistratura calabrese e delle forze dell’ordine che, in un’ottica di collaborazione tra Paesi, hanno lavorato per fare in modo che Marando possa oggi essere a disposizione degli inquirenti calabresi. A tutti loro va il mio sincero sentimento di gratitudine e incoraggiamento a proseguire nel delicato compito di disarticolare le cosche e spezzarne i traffici criminali. Marando, infatti, avrebbe favorito l’introduzione di fiumi di cocaina in Italia dalla Germania e dall’Olanda, curandone la detenzione e l’immissione in territorio calabrese. Inoltre utilizzava un ristorante in Germania, di cui era uno dei titolari, come base logistica del sodalizio criminale per lo smistamento della droga e come espediente per riciclare i proventi dello spaccio. A questo punto, dopo lo spettacolo indecoroso riservato a Battisti, anche per questa estradizione ci aspettiamo un comitato d’accoglienza, quanto meno una banda musicale. Vero ministri Salvini e Bonafede? Oppure dobbiamo pensare che la lotta alla criminalita’ organizzata, il contrasto alle mafie siano derubricate a questioni senza valore e non occupino alcuno spazio nell’agenda politica (e dei like) di questo Governo.

Rassegna stampa

Dire 15/01/2019

AGV 15/01/2019

Il fatto di Calabria 15/01/2019

Cosenza Channel 15/01/2019

ANSA 15/01/2019

ANSA CALABRIA 15/01/2019

Quotidiano del Sud 16/01/2019

Strilli.it 15/01/2019

 

Articoli Recenti

COOKIE POLICY

Copyright from 2009 to 2020 @ Enza Bruno Bossio | Created by Mantio. All Rights Reserved.​