Conte: l’avvocato del diavolo