Di Maio si rende conto che non può abolire la povertà e così prova ad abolire la democrazia

Ma possono un ministro della Giustizia e il vicepremier di questo governo sindacare sulla
scelta del Csm di nominare Ermini come vicepresidente? Che fine hanno fatto l’indipendenza della magistratura, i principi democratici e costituzionali su cui hanno giurato qualche mese fa? Principi che si possono barattare pur di coprire i loro fallimenti politici. Bel cambiamento! Forse Di Maio si sarà reso conto che non può abolire la povertà e così fa l’inciucio con Berlusconi e come lui attacca i magistrati. Ma purtroppo per lui, e per fortuna per noi, siamo in uno Stato democratico dove ancora esiste la divisione dei poteri!

 

RASSEGNA STAMPA:

Dire 27/09/2018

 

Articoli Recenti

COOKIE POLICY

Copyright from 2009 to 2020 @ Enza Bruno Bossio | Created by Mantio. All Rights Reserved.​