Cicala primo borgo calabrese amico delle demenze.

Il taglio di questo nastro è speciale perché esso delimita l’inizio di un paese, di un’intera comunità, quella di Cicala, che si rende protagonista di una piccola ma importante rivoluzione culturale, inclusiva e tollerante nei confronti di quelli che un tempo erano gli emarginati e che oggi rappresentano una risposta contro lo spopolamento e l’abbandono dei borghi. Grazie a un lungo percorso, attuato anche grazie ai fondi regionali e l’iniziativa dell’associazione Ra. Gi si concretizza oggi un aiuto fattivo che sposa un metodo innovativo di cura e sollievo, non soltanto con l’inaugurazione del centro diurno per le demenze, ma con un paese che apre le sue porte a tutte quelle persone e alle loro famiglie dando una risposta alla solitudine e formando i cittadini, proprietari delle attività commerciali nel paese, ad andare incontro alle esigenze e alle richieste di una parte di società che non è possibile ignorare o ghettizzare. Nel primo borgo italiano amico delle demenze si dà continuità rispetto al percorso avviato 40 anni fa dalla legge Basaglia che invertì la rotta e la diresse verso l’umanizzazione delle demenze.

VIDEO

RASSEGNA FOTOGRAFICA

RASSEGNA STAMPA

La C News 24

Ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *